Pubblicato il

MARONE, Lorenzo – Novanta

Titolo: Novanta
Autore: Lorenzo Marone
Editore: Tullio Pironti
Genere: Raccolta di racconti
Pagg. 168
Prezzo: Euro 10,00
[xrr rating=4/5]

Novanta. Come i numeri della Smorfia napoletana. Al significato di ogni numero corrisponde un racconto ispirato a una storia vera. Così Lorenzo Marone mette a nudo aspetti noti e meno noti della sua città, la bella Napoli, facendo affidamento a storie riferitegli e ad altre realmente vissute. Il quadro che ne viene fuori è del tutto autentico, disarmante da un lato, accattivante e surreale dall’altro. A Napoli le leggi che regolano i canonici rapporti tra le persone sembrano essere sovvertite, rovesciate in nome di un’autogestione bislacca delle dinamiche sociali, in cui il destino è deciso, spesso, dalla ciorta, un Caso beffardo e cialtrone che sembra giocare a dadi con la vita degli uomini. A Don Salvatore rubano la pensione all’esterno dell’ufficio postale, ma ha appena comprato un biglietto del Gratta e Vinci da duecentomila euro, perciò se la ride, nonostante l’accaduto. I bambini dei vicoli sono già uomini coraggiosi e disillusi, giovani Werther che si accontentano di stare per ore in strada a pazziare, dimentichi del resto, mentre gli adulti tentano di districarsi come possono fra le bizzarrie e le difficoltà di una città che non ha spazio per i sogni di tutti. C’è chi la difende e corre a pulire il parco la domenica mattina, chi la calpesta ogni giorno rubando i vestiti per i poveri o parcheggiando dove capita perché è l’ora del caffè, chi la tratta alla stregua delle altre metropoli e tenta di districarsi con la bici fra i vicoli del centro, chi infine se ne fa una ragione e la sera pensa solo a non uscire troppo tardi dall’ufficio poiché dopo le venti il quartiere si fa pericoloso. I morti, come i santi, sono presenti in mezzo ai vivi: compaiono nei sogni indicando “i numeri”, da giocare immancabilmente al risveglio, nella speranza di un colpo di fortuna che cambi la vita. Novanta racconti. Novanta storie vere. Novanta volte Napoli.

Che io sia un’appassionata sostenitrice di Lorenzo Marone è cosa ormai nota a chi si è trovato a passare da queste parti. A chi invece approda su Mondoscrittura per la prima volta, posso consigliare di dare uno sguardo QUI e QUI, premettendo che la sottoscritta, di norma, è tutt’altro che avvezza all’elogio sperticato.
Per quanto attiene a “Novanta”, opera che Lorenzo ha avuto la cortesia di regalarmi con tanto di dedica, credo che il contenuto e il tenore dei racconti siano spiegati alla perfezione nella presentazione dell’editore riportata qui sopra. D’altronde, quando ci si trova di fronte a un’opera di questo tipo, per la quale non è possibile fare un’analisi narratologica secondo uno schema classico poiché mancante delle componenti fondamentali che creano la struttura del romanzo, quello che viene spontaneo analizzare è l’impatto emozionale, le sensazioni che i brani suscitano in chi li legge.

“Novanta” ci racconta una Napoli indolente e vanitosa, capace di crogiolarsi nella sua mediocrità, forte del credito che vanta con la storia e soprattutto con l’arte. Una Napoli fatale come una bella femmina trascurata, e fatalista come un accanito giocatore del Lotto. Quella che emerge dalle pagine di “Novanta” è una città consapevole delle sue ferite ma anche della sua grandezza, che non si nasconde ai giudizi altrui, che vive di opere d’arte, tradizione, camorra e immondizia ma che in fondo riesce ancora a credere in un futuro migliore.

Il quadro che si dipinge lentamente davanti agli occhi del lettore è aspro, spigoloso, quasi crudele. Con l’ironia intelligente che lo ha sempre contraddistinto, Lorenzo Marone punta il dito contro i mali della sua città, senza fare sconti a nessuno. Ne emerge il ritratto di una Napoli agrodolce, dove due ragazzi che progettano le vacanze in Grecia muoiono soltanto perché si trovano nel posto sbagliato al momento sbagliato, mentre due loro coetanei vengono rapiti dalla maestosità di capolavori artistici di ineguagliabile bellezza. Ma per chi sa leggere tra le righe, in questo mare di immondizia, superstizione, violenza e sopraffazione, tra i panni stesi ad asciugare nei vicoli e le corse in motorino senza casco, è inevitabile venir colpiti dritti al cuore dal grande amore che traspare dal racconto di Lorenzo, un amore che sembra essere quasi rassegnato, perché se nasci e vivi a Napoli non puoi non amarla, nonostante tutte le sue brutture e i suoi difetti.

Di mio posso aggiungere che ancora una volta Lorenzo si dimostra all’altezza delle aspettative, arrivando addirittura a superarle con agilità; non era semplice raccontare Napoli senza cadere negli stereotipi e nei cliché. Lui, come sempre, ci è riuscito alla grande.

Pubblicato il

MAITHUNA – Solo una bianca farfalla

Titolo: Solo una bianca farfalla
Autore: Maithuna
Editore: Fontana Editore
Genere: Erotico
Prezzo 1,99 €
[xrr rating=3/5]

Sto parlando ad una chat come a una me stessa che non conoscevo, sto parlando con un avatar e confesso quello che nessuno saprà mai di me, faccio le cose che mi chiede di fare, se mi avessero detto dieci anni fa che mi sarei passata del tempo davanti ad un monitor e con una persona che non si sa cosa sia, avrei detto che mi avrebbero potuto ricoverare…ora mi tocco e godo da sola come mai mi è successo, osservo e compro cose che pensavo non esistessero.

Una storia virtuale, dove è facile diventare ciò che nella vita reale non si ha coraggio di essere. Una storia di chat dove uomini e donne tirano fuori la propria, vera essenza, ritrovando la gioia di piccoli piaceri troppo spesso dimenticati. Protagonisti Shakti, Max e Mari; a tirare le fila è Shakti, misteriosa figura sospesa tra spiritualità new age e carnalità contemporanea. Shakti si ritaglia il ruolo di sacerdotessa, portatrice di armonia in una coppia che le abitudini e la quotidianità hanno logorato; Max non sa che la persona con cui chatta, Shakti, è la stessa che chatta negli stessi giorni ma in orari diversi con la sua fidanzata, Mari. Ed entrambi ignorano che Shakti con le sue parole, visionarie e suggestive, li sta guidando alla riscoperta di loro stessi.
Alla fine di ogni stralcio di chat, Max e Mari si abbandonano a riflessioni e pensieri, personali e vicendevoli, che aiutano il lettore a capire le dinamiche di coppia e i desideri inespressi dei protagonisti.

La figura di Shakti rimane sospesa fino alla fine in un limbo impenetrabile: difficile capire le sue intenzioni se il rapporto con lei si affronta solo con la testa, se si vuole tutto e subito, se si cerca il piacere fine a se stesso che brucia e si consuma troppo in fretta. Shakti vuole che i suoi interlocutori si abbandonino a piaceri atavici e pensieri primitivi; solo così sarà possibile conoscerla davvero, interpretare la sua volontà, renderla reale.

Il racconto è molto breve, la tematica affrontata poco originale, considerata la sua attualità. Ma l’opera è scritta con uno stile avvolgente e mai eccessivo che la rende interessante e incuriosisce il lettore, spinto a proseguire per conoscere l’epilogo di questo strano ménage à trois. Una narrazione sempre rispettosa del lettore, sospesa tra desiderio e razionalità, forse a tratti troppo politically correct per essere del tutto verosimile, ma tutto sommato gradevole.

Pubblicato il

PREMIO LETTERARIO CITTA’ DI CIAMPINO 2013

È con grande soddisfazione, un pizzico di orgoglio e una spolverata di felicità che in questo 31 ottobre 2013 pubblichiamo il bando del

PREMIO LETTERARIO CITTÁ DI CIAMPINO

promosso e organizzato dall’Associazione Mondoscrittura e patrocinato dal Comune di Ciampino.

Vogliamo in questa sede ringraziare ufficialmente l’Assessorato alla Cultura e il Consiglio del Comune di Ciampino che hanno voluto accordarci il privilegio di organizzare il primo concorso letterario nazionale intitolato alla città.

Il concorso si articolerà in tre sezioni: romanzi editi, romanzi inediti e racconti inediti. Gli elaborati dovranno essere inviati, seguendo le modalità riportate sul bando, entro il 31 dicembre 2013.

Tutte le informazioni su modalità di spedizione, norme redazionali, composizione della giuria e durata del concorso sono presenti nel bando che potete leggere qui di seguito oppure scaricare in pdf al seguente link: 

Per qualsiasi tipo di informazione potete contattare la segreteria all’indirizzo streghe@mondoscrittura.it.

Buona scrittura e buon lavoro a tutti,

Le Streghe Amelia e Grimilde

L’ASSOCIAZIONE MONDOSCRITTURA INDICE LA SECONDA EDIZIONE DEL

PREMIO MONDOSCRITTURA

“PREMIO LETTERARIO CITTÁ DI CIAMPINO”

ART.1
Il concorso si articola in 3 (tre) sezioni:
Sez. A – Opere edite nel periodo tra il 1/11/2012 e il 31/10/2013. Le opere dovranno essere edite senza alcun contributo da parte dell’autore.
Sez. B -Testo inedito della lunghezza minima di 150 cartelle e massima di 350 cartelle, ove per cartella s’intende un foglio dattiloscritto di 1.800 battute, spazi inclusi.
Sez. C – Racconto inedito di lunghezza compresa tra le 20 (venti) e le venticinque (25) cartelle dove per cartella s’intende un foglio dattiloscritto di 1.800 battute, spazi inclusi.

ART.2
I testi dovranno essere inviati entro il 31/12/2013 alla segreteria del Premio presso la sede legale di Mondoscrittura, Via Icaro n.21 00043 Ciampino. Farà fede il timbro postale.
Per la sezione A: i testi devono essere inviati in n.1 copie cartacea e una copia digitale all’indirizzo concorsi@mondoscrittura.it, specificando nell’oggetto “Premio Città di Ciampino, nome e cognome dell’autore – titolo dell’opera” (es.: Premio Città di Ciampino, Mario Rossi – La vita è bella)
Per la sezione B: i testi devono essere inviati n. 1 copie cartacea e n.1 copia digitale a concorsi@mondoscrittura.it. L’elaborato deve essere impaginato in Times New Romans 12 punti, interlinea 1.5, giustificato e deve avere le pagine numerate. Deve inoltre riportare sul frontespizio i recapiti dell’autore (nome, cognome, numero di telefono e indirizzo e-mail) e deve essere RILEGATO (non deve essere a fogli sciolti). Per il file digitale sono accettati i formati .doc, .docx e .org. Tutti i testi che non rispetteranno le norme redazionali sopra citate saranno automaticamente esclusi dalla selezione.
Per la sezione C: gli elaborati devono essere inviati n. 1 copie cartacea e n.1 copia digitale. Il testo deve essere impaginato in Times New Romans 12 punti, interlinea 1.5, giustificato e deve avere le pagine numerate. Deve inoltre riportare sul frontespizio i recapiti dell’autore (nome, cognome, numero di telefono e indirizzo e-mail) e non deve essere a fogli sciolti. Per il file digitale sono accettati i formati .doc, .docx e .org
Tutti i testi che non rispetteranno le norme redazionali sopra citate saranno automaticamente esclusi dalla selezione.
Per tutte le sezioni è necessario allegare una breve biografia dell’autore della lunghezza massima di 1 (una) cartella e una sinossi dell’opera di massimo 2 (due) cartelle.
È possibile partecipare a più di una sezione del concorso.

ART.3
Per le sezioni A e B sono accettati testi di tutti i generi letterari con l’esclusione della saggistica e della poesia.
Per la sezione C sono accettati esclusivamente racconti di genere giallo ambientati a Roma e Provincia.
I testi vanno inviati a partire dal 01/11/2013 fino al 31/12/2013. La partecipazione al concorso è riservata ai maggiori di anni 18.

ART.4
Per partecipare al premio è necessario versare la quota associativa a Mondoscrittura relativa all’anno 2013, fissata in Euro 5,00. Tale quota dovrà essere versata una sola volta, anche se si intende partecipare a più di una sezione del concorso. Le modalità di pagamento sono le seguenti:
– BONIFICO BANCARIO intestato a Associazione Culturale Mondoscrittura, IBAN IT66T0200839552000101855334
– PAYPAL: streghe@mondoscrittura.it
Nell’intestazione del pagamento è necessario specificare la causale “Premio Mondoscrittura Città di Ciampino”.
Sarà necessario compilare e restituire firmato il Modulo Associativo che la Redazione provvederà a inviare via email ai partecipanti.
I concorrenti alla sezione B che desiderino ricevere al termine del concorso una scheda di valutazione analitica del romanzo, devono versare all’atto dell’iscrizione la quota di Euro 70,00 (settanta) insieme alla quota associativa. Tale scheda di valutazione è facoltativa e il richiederla non costituisce titolo di merito. Qualora il testo vincitore risultasse tra quelli che hanno richiesto tale servizio, l’importo verrà restituito per intero all’autore.
In questo caso nell’intestazione del pagamento è necessario specificare la causale “Premio Mondoscrittura Città di Ciampino Valutazione”.

ART.5
Il primo classificato della sezione A riceverà un premio in denaro del valore di Euro 500,00 (cinquecento) e una targa commemorativa; il secondo classificato riceverà un premio in denaro del valore di Euro 200,00(duecento) e una targa commemorativa; il terzo classificato riceverà un premio in denaro di Euro 100,00 (cento) e una targa commemorativa.
Il primo classificato della sezione B riceverà un contratto di pubblicazione standard: l’editing, la realizzazione della copertina, la stampa e la promozione del testo saranno interamente a carico di Mondoscrittura. Il testo verrà prodotto in cartaceo e in ebook, e venduto tramite il sito di Mondoscrittura, i principali bookstore on-line e presso il circuito di librerie collegato a Mondoscrittura.
I cinque racconti vincitori della sezione C verranno raccolti in un’antologia e riceveranno un compenso una tantum del valore di 50(cinquanta) euro. L’editing, la realizzazione della copertina, la stampa e la promozione del testo saranno interamente a carico di Mondoscrittura. Il testo verrà prodotto in cartaceo e in ebook, e venduto tramite il sito di Mondoscrittura, i principali bookstore on-line e presso il circuito di librerie collegato a Mondoscrittura. L’autore ricevendo l’una tantum firmerà contestualmente liberatoria dei diritti d’autore, cedendoli per intero a Mondoscrittura.
La giuria si riserva di proporre la pubblicazione anche a testi non vincitori ma distintisi per il pregio della produzione.

ART.6
La giuria utilizzerà per la valutazione dei testi una scheda standard nella quale verranno espressi i punteggi in relazione alle differenti discriminanti del testo: forma, struttura, originalità del tema.
La giuria è composta dai soci fondatori di Mondoscrittura e da un comitato di lettura esterno all’associazione.

ART.7
I nomi dei vincitori saranno resi noti entro il 30 Giugno 2014 attraverso il sito http://www.mondoscrittura.it e con una comunicazione via e-mail a tutti i partecipanti.
La cerimonia di premiazione si terrà entro il 31/10/2014 presso la sala Consiliare del Comune di Ciampino o struttura similare atta a ospitare la premiazione, in data da stabilire.
I vincitori dovranno ritirare personalmente il premio pena la decadenza dallo stesso, che sarà assegnato al concorrente classificatosi al posto di graduatoria successivo.
L’autore vincitore che si rendesse irreperibile entro una settimana dalla pubblicazione degli esiti del concorso verrà automaticamente escluso, e il premio passerà al successivo autore in graduatoria.
È tutelata la riservatezza dei dati personali.

ART.8
Il giudizio della giuria è insindacabile. I testi ricevuti non saranno restituiti.

ART.9
La partecipazione al concorso comporta l’integrale accettazione del presente bando.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI SI RIMANDA ALLA PAGINA DELLE FAQ – CONSIGLIAMO VIVAMENTE DI LEGGERLA PRIMA DI INVIARE I TESTI PER LA SELEZIONE. LA PAGINA VIENE AGGIORNATA IN TEMPO REALE CON LE DOMANDE CHE ARRIVANO IN REDAZIONE.

Per informazioni: tel. 3389240066
e-mail: streghe@mondoscrittura.it
sito: www.mondoscrittura.it
http://www.comune.ciampino.roma.it/home/index.php?option=com_content&task=view&id=2660

Pubblicato il

Un anno dalle Prime Volte con: GISELLA LATERZA

Ed eccoci all’ultimo appuntamento con gli autori dell’antologia LE PRIME VOLTE. Ci salutiamo con poche ma significative parole di GISELLA LATERZA, giovanissima e bravissima autrice del racconto “FANTASMI E CALZE A RETE”, che ci ha conquistate con la sua semplicità e immediatezza.
A te la parola, Gisella!

Care Streghe,
mi sembra una bellissima iniziativa.
Per quanto mi riguarda, come già sapete, il 15 maggio scorso è uscito per Rizzoli il mio romanzo d’esordio: Di me diranno che ho ucciso un angelo.
In futuro spero di continuare quest’avventura portando a compimento altri miei progetti da scrittrice.
Un anno fa, l’esperienza con voi delle Prime volte è stata preziosa e stimolante per me, grazie al vostro editing accurato e non invasivo. Vi ringrazio, dunque, per essere stata scelta tra i vostri selezionati.

Gisella

Grazie a te Gisella, siamo onorate di avere tra le nostra fila un’autrice che è riuscita a realizzare un piccolo grande sogno. Buona fortuna!

Pubblicato il

Un anno dalle Prime Volte con: VIOLA LODATO

Eccoci in compagnia della frizzantissima VIOLA LODATO, ironica autrice del racconto “VOLEVO SOLO UNA BORSA VERDE MENTA” che ci ha strappato più di una risata. Sentiamo allora cos’ha combinato Viola nell’ultimo anno…
A te la parola, Viola!

A inizio aprile 2012, appena qualche giorno dopo aver scoperto di essere stata selezionata per l’antologia di Mondoscrittura, scoprii di essere una dei tre finalisti liguri del concorso La Giara. Fu una grandissima soddisfazione, perché fino all’ultimo non ero convinta di partecipare, temevo che non servisse a niente.

Grazie a quel risultato sono stata intervistata da due quotidiani e, soprattutto, sono dovuta andare alla sede RAI di Genova per intervenire in diretta durante la trasmissione “I fatti vostri”.

Purtroppo la mia avventura terminò lì, perché non superai la fase successiva. All’inizio ci restai male, ma poi ripartii più decisa di prima, e portai a termine il mio secondo romanzo, KillerQueen. Avevo cominciato a scriverlo circa un anno prima, e la protagonista era la stessa del racconto “Volevo solo una borsa verde menta” pubblicato nell’antologia di Mondoscrittura.

A maggio nacque ST-Books, marchio editoriale di Scrittevolmente, sito letterario con cui collaboro come recensore e membro dello staff. Grazie a ST-Books conobbi meglio il mondo dell’editoria anche come addetta ai lavori, nonostante non fosse una novità assoluta, visto che da gennaio avevo cominciato a collaborare con una casa editrice americana come traduttrice e correttrice di bozze.

Nel corso dell’estate cominciai e portai a termine un altro romanzo, questa volta un libro per bambini che attualmente è ancora lì sul mio computer, poi passai a un romanzo di fantascienza. Sempre durante l’estate inviai il mio KillerQueen a qualche casa editrice.

Tra agosto e settembre mi ritrovai piena di ispirazione e scrissi (è il mio attuale record) due romanzi in un mese, di rispettivamente 160 e 240 pagine.

A ottobre ricevetti la proposta di pubblicazione da parte di CIESSE e mi sentii al settimo cielo. È difficile parlare di ciò che provai in quel momento, ma è bellissimo pensare che qualcuno abbia scelto di credere in me e che dei lettori sconosciuti possano conoscere le mie storie e i miei personaggi. È anche merito vostro se sono stata pubblicata, visto che voi siete state le prime a decidere di credere in Katia.

Prima della pubblicazione di KillerQueen ho scritto altri due romanzi, di cui uno molto breve. A gennaio ho cominciato a lavorare con la casa editrice “La Mela Avvelenata” nel dietro le quinte.

Ora mi sono costretta a prendere una pausa per motivi di studio, visto che credo di laurearmi a marzo con una tesi – per restare in tema – sull’editoria digitale.

Insomma, il 2012 è stato un anno molto intenso, e finora è stato anche il migliore della mia vita. Credo che ci sia stata una sorta di continuità, perché ho considerato la pubblicazione nell’antologia di Mondoscrittura come il mio primo successo, nonostante avessi già pubblicato qualche altro racconto, e la stessa protagonista mi ha portato alla pubblicazione del mio primo romanzo. Insomma, “Le prime volte” mi hanno portato a vivere un’altra “prima volta”!

Grazie Viola, e buona fortuna per la tua carriera di scrittrice!

Pubblicato il

Un anno dalle prime volte con: Fabrizio Cadili

Eccoci a un altro appuntamento con uno degli scrittori che hanno partecipato alla nostra antologia LE PRIME VOLTE. Oggi è FABRIZIO CADILI, autore del racconto GIUDICE ARTIFICIALE, a metterci al corrente dei suoi successi scrittevoli dell’ultimo anno.

A te la parola, Fabrizio!

Salve care streghette, come va? Spero tutto bene.

Partecipo con piacere alla vostra iniziativa “Un anno dalle Prime volte” con in testa un pensiero: un anno è trascorso davvero in fretta! In questo periodo le gratificazioni per il difficile mestiere di scrittore non sono mancate. Vorrei comunque premettere che ho iniziato a scrivere e tutt’ora scrivo a quattro mani con Marina Lo Castro, mia coautrice di tutti i libri e i racconti meno quello che ho spedito a voi. Eh sì, purtroppo proprio non le era piaciuta l’idea e nemmeno la realizzazione. Come dicevano i latini,de gustibus non est disputandum, e i latini erano diversi passi avanti a noi.

Comunque, dopo la pubblicazione di “Giudice artificiale” per la vostra antologia Le Prime volte, assieme a Marina hanno visto luce un certo numero di racconti: un horror dal titolo “Exceptor”, per l’antologia Mondi del fantasy II, edito da Limana Umanita, e per la Watson, sull’antologia Horror storytelling, una storia macabra quasi di esclusiva invenzione di Marina, “Sunset”, sulla falsa riga di Twilight – ma molto, molto più interessante !–e “Forgiato con l’inganno”, un fantasy dai toni cupi e adulti, scelto sia dell’associazione culturale I Sogni di Carmilla per l’antologia Storie Fantastiche, sia  da Scrittevolmente, al termine del concorso Sole a Mezzanotte.

Ma non è finita! La Plesio Editore (con la quale collaboriamo per la pubblicazione del nostro primo romanzo… ma ne parleremo meglio tra poco) ha classificato al terzo posto un altro nostro racconto, “Un favore a Kaine”, attualmente inserito nell’antologia Lo Speziale, scaricabile gratuitamente sul sito della casa editrice. Il racconto è una sorta di diario/intervista di un vampiro malinconico e vittima del gioco d’azzardo che, dopo averlo incontrato, non potrà rifiutare un favore a Kaine …

Last but not least, come si dice, il racconto “Il futuro dell’uomo”. Si tratta di una breve opera fantascientifica inserita nel portale Storiebrevi ed edita dal gruppo Espresso. Questo racconto ha per noi un’importanza speciale, ma non perché lo riteniamo particolarmente brillante o perché a sceglierlo è stato un nome risonante come il gruppo Espresso. Il motivo è più prosaico: si tratta della prima opera per cui siamo stati pagati (!).La cifra è stata misera, è vero, ma si è trattato comunque di un evento significativo, per noi.

Veniamo ora alla news più bella dell’anno, che vi ho già accennato. Già, care streghette, a metà settembre vedrà la luce il nostro primo romanzo (primo per pubblicazione, in realtà è la nostra terza fatica, e ci è costata quasi due anni di lavoro). Il titolo provvisorio è “Memorie degli Euritmi. Caesar” e sarà pubblicato dalla Plesio Editore in formato digitale e a un prezzo competitivo (“Di ‘sti tempi …”, come direbbe Proietti). Spiegarvi in breve di cosa tratti è impossibile, considerata la mole dell’opera (circa ottocento pagine per oltre un milione e mezzo di battute). Mi limito ad accennare che si tratta di un Urban fantasy (attenzione, non ho scritto Paranormal Romance, ma proprio Urban!) e racconta le disavventure di un catanese, Leonardo, a cui improvvisamente verrà tolto quel poco che era riuscito a costruirsi nella vita. In cambio otterrà soldi, fama e successo, ma non è tutto oro quello che luccica. Caesar, il misterioso uomo che gli aprirà le porte del paradiso, confesserà a Leonardo che nel suo sangue scorre la discendenza dei Magus (chissà, tra streghette e Magus potreste anche capirvi. Organizzo un incontro?) e il protagonista presto capirà che tutto ha un costo.

Le tematiche del romanzo spaziano dall’esoterico, alle esperienze di vita in una difficile città del sud, alla politica e persino alla mafia, il tutto condito da umorismo,strane magie, organizzazioni massoniche e lupi mannari (sì, ma non quelli dei film!).

Vi ho confuso? Lo capisco, sapeste quanto siamo confusi io e Marina!

Tranquille, se voi o altri curiosi voleste saperne di più, abbiamo aperto un’apposita pagina Facebook: www.facebook.com/MemorieDegliEuritmi. A quest’indirizzo potete già leggere il prologo e il primo capitolo del romanzo. Ma non è tutto! Da qui a settembre aggiungeremo anche il secondo e il terzo capitolo, sempre in maniera gratuita. Un bel malloppo da una cinquantina di pagine! Pensiamo possano essere sufficienti a stuzzicare l’appetito dei curiosi.

Concludo senza rispondere alla domanda se mi è piaciuto pubblicare con voi (vi farei tanti complimenti allora?)e vi ringrazio per il buon servizio all’editoria italiana che state facendo. Speriamo di lavorare di nuovo insieme, un giorno.

Per chi volesse venire a farci visita, ecco la nostra pagina Facebook:  http://www.facebook.com/SogniAQuattroMani. Potrete contattarci (insultarci se vi va) e leggere gli incipit dei nostri racconti pubblicati, oltre che ovviamente avere tutte le indicazioni per reperire le antologie nelle quali sono inseriti.

Un saluto da me e Marina e grazie ancora.

A risentirci presto!

Grazie a te Fabrizio, e buona fortuna per tutto!

Pubblicato il

[CONCORSI] Incipit d’autore, scad. 30/04/2013

La casa editrice L’Erudita sta portando avanti un concorso gratuito per racconti inediti, lunghezza massima di 3 cartelle. Di seguito i dettagli:

Da un’unica partenza possono cominciare molti viaggi, da un unico spunto possono nascere diversi personaggi, dallo stesso inizio possono prendere vita tante storie.

Vi invitiamo a scrivere un racconto lasciandovi condurre, suggestionare, guidare da queste poche righe scritte per noi da Paolo Di Paolo, autore candidato da Feltrinelli al Premio Strega 2013 con il suo nuovo romanzo Mandami tanta vita.

Non c’è stato un giorno, un minuto, un’ora in cui l’abbia perso/persa di vista. Sempre da lontano ho studiato le sue abitudini, vergognandomi di spiare. È stato necessario. È stato vitale.

I racconti di una lunghezza di massimo 3 cartelle (1800 battute a cartella spazi inclusi), dovranno partire dall’incipit indicato ed essere inviati via email a leruditaeditrice@gmail.com mettendo come oggetto Incipit d’autore entro il 30 Aprile 2013.

I racconti selezionati saranno pubblicati in un’antologia realizzata da L’Erudita in uscita nel mese di Maggio 2013.

Maggiori informazioni SUL SITO DELLA CASA EDITRICE

 

Pubblicato il

Il chi, il come, il quando e il perché dei 15 de “Le prime volte”

Tutto quello che avete sempre voluto chiedere ai quindici de Le prime volte senza aver avuto mai il coraggio di arrivare fino in fondo. Perché in fondo in fondo ci sono… le streghe.

Alcuni degli autori de Le prime volte e le streghe di Mondoscrittura risponderanno colpo su colpo alle domande più insidiose e malefiche che gli amici di Facebook porranno loro on line. Senza esclusioni di colpi, vi aspettiamo su Facebook mercoledì 6 febbraio alle 20.30. 

Naturalmente si accettano anche i complimenti!

 

E attenzione, perché per tutto il mese di febbraio l’ebook “Le prime volte” sarà in vendita a soli € 0,99!

 
IL CANTO DELLA JIAN, N. Zarotti
IL MIO PRIMO BACIO, M. Campo
FANTASMI E CALZE A RETE, G. Laterza
UOMINI, M.Nemour
CELESTE, A. Tocchi
ODORE DI CARNE BRUCIATA, C. Zanini
QUEL BACIO CHE NON TI HO DATO, M. Dallavalle
IL DEBUTTO, C. Costa
IN FONDO AL TUNNEL, L. Coluccia
GIUDICE ARTIFICIALE, F. Cadili
VOLEVO SOLO UNA BORSA VERDE MENTA, V. Lodato
SPERO SIA L’ULTIMA, M. Cammalleri
OGNI VOLTA È LA PRIMA, A. Voudì
SAPORE DI MARE, C. Ferrante
TRA LE NUVOLE, C. Zampognaro

 

BONUS TRACKS PRESENTI SOLO NELL’EBOOK:

IL PUZZLE, E. Aragona
LA MOTO, G. Cerretti
LA PRIMA VOLTA CHE SONO MORTO, C. Lattaro

 

 

CLICCATE SU QUESTO LINK PER ESSERE REINDIRIZZATI ALL’EVENTO SU FACEBOOK E PARTECIPARE!